1997-2017: vent’anni di autonomia scolastica. Convegno Mathesis a Rovigo

Vent’anni di autonomia scolastica. Cosa è cambiato e cosa sta ancora cambiando nel nostro sistema scolastico.

Se ne parlerà il 13 ottobre a Rovigo, nella Sala degli Arazzi dell’Accademia dei Concordi, al convegno organizzato con la collaborazione della Mathesis.

Al convegno e alle sue finalità il mensile Tuttoscuola ha dedicato il seguente ‘focus’:

“Nel 1997 la legge dispose: le scuole sono autonome, cancellando in tal modo l’articolo di legge più longevo della storia del sistema scolastico nato con l’Italia unita: le scuole dipendono dal ministro [art. 3 Legge Casati, 1859/61]. L’articolo cioè che aveva conferito al sistema una solida struttura piramidale. La piramide nel 1997 viene rovesciata: il ministro, la collettività, dipendono dalle scuole, sono al servizio delle future generazioni di giovani per assicurarne un’istruzione e una formazione adeguate. Ad una struttura forte, perennemente stabile che aveva retto, assorbendole, anche le perturbazioni della scuola di massa e della contestazione giovanile è andata a sostituirsi una struttura non ancora ben definita ma caratterizzata da una spiccata flessibilità; una concezione della scuola, forse, non ancora ben maturata nella coscienza collettiva e un’autonomia che deve ancora trovare la sua piena realizzazione. Nella costruzione del nuovo sistema e dopo la legge 107/2015 e i collegati decreti attuativi, a che punto siamo?

Un bilancio sarà tentato nel corso del convegno e a farlo contribuiranno esperti che nel processo di costruzione hanno avuto o hanno una voce autorevole. Ne parleranno, infatti, Annamaria Ajello, Presidente dell’istituto nazionale di valutazione (INVALSI), il cui ruolo è fondamentale per la salvaguardia dell’unitarietà del sistema e per la valorizzazione dell’autonomia delle istituzioni scolastiche, e Alfonso Rubinacci, Coordinatore del comitato scientifico di Tuttoscuola ed ex Capo Dipartimento del Miur (che delineerà “lo stato dell’arte” del processo di riforma  e il patrimonio di idee e di principi innovatori che l’hanno generato).

Delle scuole auto organizzate e di autonomia scolastica configurate dalla Buona Scuola parleranno rispettivamente il Prof. Alberto De Toni, Rettore dell’Università di Udine e Segretario generale della CRUI, di cui è nota la grande competenza in materia di sistema scolastico e Carmela Palumbo, nominata  di recente Capo dipartimento per la programmazione e la gestione delle risorse umane del MIUR dopo sette anni di guida della direzione generale per gli ordinamenti scolastici.

Il tema dell’autonomia didattica è oggetto dei  due interventi pomeridiani affidati a Emilio Ambrisi e Elisabetta Lorenzetti, rispettivamente presidente e vice presidente della Mathesis, mentre l’ispettrice Augusta Celada, coordinatore degli dirigenti tecnici del Veneto,  delineerà  l’evoluzione della funzione della dirigenza tecnica nei vent’anni d’autonomia. Alla tavola rotonda prevista per il pomeriggio parteciperanno Leonardo Raito, sindaco di Polesella; Isabella Sgarbi e Fabio Cusin, dirigenti scolastici; Luigi Tomasi e Tiziana Bindo, docenti. Coordinerà la tavola rotonda Virgilio Santato, già preside del liceo Paleocapa di Rovigo e vice presidente dell’Accademia dei Concordi.

 

 
 

Share this Post



 
 
 
 

Leave a Reply

 
 
Caricando...