Il premio Bruno Rizzi 2018

L’insegnante svolge la maggior parte del lavoro in classe, con i suoi allievi. E’ un lavoro quotidiano, costante, mai uguale a se stesso, fonte di continue riflessioni, revisioni, modifiche. Ciò che avviene giornalmente nelle aule ha del prodigioso, il prodigio della spiegazione e della comprensione. Si dovrebbe conoscere di più e meglio. Il concorso associato al premio Bruno Rizzi bandito annualmente dalla Mathesis, Società Italiana di Scienze Matematiche e Fisiche, con la collaborazione di Tuttoscuola, giunto alla dodicesima edizione, ha lo scopo di far conoscere la realtà del processo di insegnamento/apprendimento, dando visibilità al lavoro dei docenti e contribuendo in tal modo alla valorizzazione della loro professionalità.

Il tema proposto, “Matematica in classe in un’ora di lezione”, lascia ampio spazio al racconto di esperienze realizzate nel quotidiano lavoro d’aula nei loro molteplici aspetti concettuali e operativi, sia inter-disciplinari che meta-disciplinari. Esperienze finalizzate all’acquisizione degli obiettivi specifici di apprendimento declinati dalle Indicazioni Nazionali per il Primo Ciclo e i Licei e dalle Linee Guida per gli Istituti Tecnici e Professionali.

Possono partecipare al concorso i docenti della scuola primaria e secondaria, di primo e di secondo grado, sia di ruolo sia supplenti. I lavori dovranno essere presentati entro il 31 agosto 2018 secondo quanto previsto dal Bando (si veda su www.mathesisnazionale.it )

Il concorso Mathesis ha avuto in questi anni un successo crescente e lo scorso anno all’albo dei vincitori si sono aggiunte due docenti: le prof.sse Maria Indirli dell’Istituto Tecnico Deledda di Lecce e la prof.ssa Annarita Giovannangelo della scuola media “E. Ravasco” di Pescara ma anche due menzioni speciali attribuite dalla commissione giudicatrice a:  Francesco Daddi dell’Istituto Carducci di Volterra e a Stefania Bussini della scuola primaria Locchi di Milano

Il premio dell’edizione 2018 ammonta a 1000 euro e sarà assegnato distintamente per la scuola del primo e del secondo ciclo. La premiazione dei docenti vincitori avverrà nel corso del Congresso Nazionale che la Mathesis terrà a Milano dal 15 al 17 novembre 2018 dedicandolo a: Quadri di riferimento, prove Invalsi ed esami di Stato: cosa c’è di nuovo? Un tema che compendia quegli aspetti di sistema che più fortemente orientano l’azione didattica di scuole e docenti. Prove Invalsi, esami di Stato e quadri di riferimento hanno infatti una funzione innegabile per la progettazione didattica, sono veri e propri “attrattori” del che cosa insegnare e apprendere e sono attualmente oggetto di significative innovazioni a partire già da quest’anno per la scuola del primo ciclo e dal 2019 per gli esami di maturità.

Il Bando

 

Tags: , ,

 

Share this Post



 
 
 
 

Leave a Reply

 
 
Caricando...