Parte Seconda – I grandi matematici del XX secolo

I grandi matematici è il titolo del libro di Eric T. Bell del 1937. Bell guarda anche alla classicità, ma la vera galleria dei grandi la inizia con i moderni. Inizia con il quadro di Cartesio. Gli ultimi sono Poincaré e Cantor entrambi nati nel 1854 e morti, il primo nel 1912, il secondo nel 1918. E dopo?

La parte seconda dell’Antologia di Matmedia vuole in un certo qual modo, pensare ad un seguito di questa  grande opera di Bell, ovvero a una lista di grandi matematici del XX secolo.

Nella scelta di questi grandi matematici hanno contato i due criteri seguiti da Bell:  “L’importanza dell’opera loro nella matematica moderna e l’umana attrattiva della loro vita e del loro carattere” e, in aggiunta, l’esistenza di pagine biografiche o autobiografiche di riconosciuta attrattiva, scientifica e letteraria.

«Se volessimo stilare un elenco dei dieci matematici più importanti del XX secolo il nome di David Hilbert sarebbe inevitabile», ha scritto David Ruelle  (in La Mente matematica)  e aggiunto: «magari ci vorremmo aggiungere Kurt Gōdel  sebbene fosse più un logico che un matematico». C’è però un altro matematico per il quale non si nutrono dubbi sulla sua appartenenza a questa lista dei dieci: è John von Neumann. Ecco allora elencati i primi (ce ne sono altri!) dieci “grandi”:

 

John von Neumann – IAS

David Hilbert (1862 – 1943) – i ventitré problemi irrisolti della matematica

John von Neumann (1903 -1957) – il matematico delle feste e dei computer

Kurt Gödel (1906 – 1978) – l’indecidibilità

Jean Dieudonné (1906 – 1992) – l’abbasso Euclide

Stanislaw Ulam (1909 – 1984) – il matematico del metodo Monte Carlo e della bomba all’idrogeno

René Thom (1923 –  2002) – le catastrofi

Benoît Mandelbrot (1924 – 2010) – i frattali

Marvin Minsky (1927 – 2016) – il padre dell’intelligenza artificiale

Gian-Carlo Rota (1932 – 1999) – il fascino del discreto

Nicholas Bourbaki (1934 –       ) – il matematico policefalo

 

 

 

 

Autore