protocollo d’intesa

Direzione Generale per l’Istruzione Tecnica Div.I

Prot. n. 482

Roma, 2 febbraio 2000

Oggetto: Protocollo d’intesa tra M.P.I. e l’A.I.C.A.

Al fine di favorire la diffusione della cultura informatica nel sistema formativo, il Ministero della Pubblica Istruzione, in data 16 dicembre 1999, ha sottoscritto un protocollo di intesa con l’Associazione Italiana per l’Informatica e il Calcolo Automatico (AICA), ente che ha come finalità principale lo sviluppo delle conoscenze informatiche sotto l’aspetto scientifico, applicativo, economico e sociale. Come si evince dal testo del protocollo (All.A), l’intesa riguarda diversi ambiti e fra questi assume particolare rilevanza – per estensione, attualità e significatività dell’iniziativa – la certificazione delle competenze informatiche secondo gli standard internazionali.
L’AICA, infatti, è l’ente referente per l’Italia del Council of European Professional Informatic Societes al quale fa capo anche il programma “European computer driving licence” (ECDL), ossia “patente europea di guida del computer, riconosciuto dall’Unione Europea: in tale veste, l’AICA ha il compito di assegnare la qualifica di “Test Center” alle organizzazioni che ne fanno richiesta e dimostrano di possedere i requisiti necessari.
Con la sottoscrizione del suddetto protocollo si intende, fra l’altro, offrire agli studenti la possibilità di acquisire tale certificazione nelle scuole che vengono accreditate come Test Center, per utilizzarla sia come credito formativo sia come dimostrazione delle competenze possedute per meglio inserirsi nel contesto lavorativo.

In particolare si sottolinea che la certificazione ECDL:
· ha carattere internazionale,
· si basa su documenti e procedure concordate a livello comunitario tra cui il Syllabus che costituisce lo standard di riferimento in base al quale uniformare i test, in qualunque paese vengano effettuati,
· comprova la conoscenza dei concetti fondamentali dell’informatica e la capacità di saper usare un personal computer, a livello di base, nelle applicazioni più comuni,
· si consegue con il superamento di sette esami sotto forma di test, uno di natura teorica sui concetti delle tecnologie informatiche, gli altri di tipo pratico sull’uso del computer (gestione dei file, elaborazione di testi, utilizzo di un foglio elettronico e di un archivio, inserimento di immagini e grafici in un testo, posta elettronica e navigazione su reti informatiche),
· è costituita da un diploma (patente) che l’AICA, in quanto gestore italiano del programma ECDL, rilascia a chi ha superato i sette esami dietro presentazione della cosiddetta skills card, un tesserino personale su cui viene progressivamente registrato il superamento dei vari test. Il candidato può affrontare gli esami in un ordine a sua scelta.

In applicazione delle norme comunitarie fissate dal programma ECDL, l’AICA individua gli istituti di istruzione secondaria superiore da accreditare come sedi di esame ECDL, secondo modalità dalla stessa definite: accertamento dei requisiti in base a un questionario compilato dal Dirigente scolastico sotto la propria responsabilità ed esito di eventuali controlli..
Gli istituti accreditati potranno inoltre svolgere corsi di preparazione agli esami – rivolti anche a studenti di altre istituzioni scolastiche – da offrire a titolo oneroso o gratuito secondo le scelte autonomamente assunte dagli organi di gestione della scuola. Resta, tuttavia, primaria l’opportunità che in tal modo si intende dare agli studenti di valorizzare con una certificazione esterna le competenze informatiche acquisite in quei corsi di studio che ne prevedono l’insegnamento.

Le condizioni necessarie per conseguire l’accreditamento riguardano il possesso di significative esperienze nel campo della formazione informatica, la presenza di laboratori attrezzati con almeno dieci computer e software adeguato alle competenze da misurare con i test, l’esistenza di locali idonei allo svolgimento corretto delle prove d’esame e alla conservazione del materiale, la disponibilità di personale docente preparato e aggiornato sul piano informatico (almeno due insegnanti di cui uno con funzioni di referente).

L’impegno determinato dal rispetto della procedura e dai livelli qualitativi richiesti suggerisce di organizzare reti di scuole distribuite sul territorio. La struttura proposta comporta la costituzione di due categorie di Test Center:
a. Test Center “affiliati”, ossia istituti con strutture e docenti in grado di fare corsi e somministrare esami ECDL;
b. Test Center “capofila”, ossia istituti che, oltre alle funzioni precedenti, si assumono il compito di coordinare, in termini organizzativi, i rapporti fra l’AICA e gli istituti affiliati costituiti in rete locale.
Resta inteso che ogni istituto ha libertà di scegliere la soluzione ritenuta più consona al proprio contesto interno ed esterno.

Per gli istituti interessati a ottenere l’accreditamento come Test Center, si segnala che la procedura si articola nelle seguenti fasi:
· invio all’AICA, esclusivamente tramite e-mail (aica@aicanet.it), del questionario per la richiesta di accreditamento (All.B) entro il prossimo 15 marzo,
· selezione da parte dell’AICA delle richieste pervenute per accertare l’esistenza delle condizioni standard,
· comunicazione da parte dell’AICA degli esiti della selezione e invio del contratto agli istituti ritenuti adeguati,
· firma del contratto da parte del Capo di Istituto e sua trasmissione all’AICA,
· invio da parte dell’AICA di tutta la documentazione necessaria,
· pagamento e ritiro delle skills card,
· attuazione degli eventuali corsi preparatori e somministrazione dei test.

Allo scopo di assicurare la maggiore informazione possibile e il massimo di trasparenza, si comunica che sul sito Internet dell’AICA (http://www.aicanet.it/ecdl.htm) è disponibile tutta la documentazione (in particolare questionario, moduli, syllabus, note illustrative) e che tramite e-mail è possibile chiedere delucidazioni sia al sopra indicato indirizzo dell’AICA sia a quello dell’Istituto tecnico commerciale “Tosi” di Busto Arsizio (bdr@itctosi.va.it).

Si pregano le gli uffici competenti di voler dare alla presente nota la massima diffusione presso tutte le scuole secondarie superiori

IL MINISTRO

 

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0