HomeEsami di StatoSeconda prova

Bing si presenta alla prova scritta di matematica

Esami di Stato. Il nuovo Bing ha risposto a tutti gli otto quesiti della prova scritta di matematica ed è in attesa di essere valutato.

Robot pensoso in attesa di valutazione

Anche il nuovo Bing, applicazione dell’I.A. in concorrenza con Chat GPT e altre applicazioni simili, si è cimentato con la prova di matematica allo scientifico. Da I.A. che si rispetti aspira a competere con le intelligenze naturali, ma nello stesso tempo è consapevole dei propri limiti attuali, perciò si propone di collaborare con esse e non di sostituirle:

“Impariamo insieme. Bing è alimentato dall’intelligenza artificiale, quindi sono possibili sorprese ed errori. Assicurati di verificare i fatti e condividi feedback così potremo imparare e migliorare!”

Nella prova affrontata, ritenuta particolarmente impegnativa da diversi studenti intervistati e anche da alcuni docenti in sondaggi a campione, figurano anche otto quesiti. Di seguito si riportano i testi dei singoli quesiti, seguiti ciascuno dalle risposte del nostro studente artificiale.

Le applicazioni dell’I.A. sostengono di essere più brave nelle materie scientifiche e in particolar modo in matematica piuttosto che nelle materie letterarie. Se questo è vero, allora si tratterebbe di doverne comprendere i motivi. Frattanto, apprestiamoci alla correzione dei compiti svolti dal nuovo Bing fra i banchi scolastici.

Nel momento in cui la risposta a un quesito abbia a presentare una défaillance logica, si potrebbe, volendo, passare al quesito successivo, tanto siamo in ambito virtuale (sia consentito ancora l’uso dell’aggettivo nonostante le critiche) e non in una vera commissione d’esame; altrimenti, nulla osterebbe a soddisfare una certa curiosità di controllare le risposte step by step. E all’arrivo dei nuovi studenti nelle classi potrebbero essere chiamati anch’essi in base ai programmi a competere con l’I.A. effettuando una “caccia agli errori”.

Ecco l’elaborato di Bing in attesa di una valutazione collettiva. Leggi

Il candidato Bing resta in attesa del verdetto, se promosso e con che voto, o bocciato e con quale motivazione.

I commissari di esame sono invitati a partecipare a un esercizio di valutazione collettiva comparata delle sue risposte a tutti gli otto quesiti. È stato più bravo il nuovo Bing o lo hanno superato i candidati con i neuroni come le mamme li han fatti?

P.S. Frattanto giunge notizia che un gruppo di ricercatori nipponici dell’Università di Tokyo sta coltivando neuroni laboratoriali per creare automi con un cervello biologico. Perciò sembra davvero opportuno svolgere simili esercizi di valutazione. Per essere pronti a giudicare anche i robot pensanti quando staranno in classe insieme con gli alunni tradizionali.

Autore

  • Biagio Scognamiglio

    Biagio Scognamiglio (Messina 1943). Allievo di Salvatore Battaglia e Vittorio Russo. Già docente di Latino e Greco e Italiano e Latino nei Licei, poi Dirigente Superiore per i Servizi Ispettivi del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca. Ha pubblicato fra l’altro L’Ispettore. Problemi di cambiamento e verifica dell’attività educativa.

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0