Problemi della didattica a distanza

HomeDidattica

Problemi della didattica a distanza

Didattica a distanza. Una succinta lista di problemi che si presentano. Ormai la didattica a distanza ha un approccio teorico noto. Le manca il rappo

Didattica a distanza. Una succinta lista di problemi che si presentano.

Ormai la didattica a distanza ha un approccio teorico noto. Le manca il rapporto umano della lezione in presenza. In pratica ci sono altri problemi.

  1. Non tutti gli studenti sono dotati di personal computer. Lo si è osservato e ribadito da più parti. Ci chiediamo come li si possa valutare.
  2. Non tutti i docenti gradiscono la lezioni a distanza. Alcuni si sentono a disagio. Anche a loro manca l’aula.
  3. Ci sono dirigenti scolastici che dettano regole da rispettare a domicilio. Costituzionalmente però il domicilio personale è inviolabile. C’è chi ritiene che possa configurarsi un’intrusione nella privacy.
  4. Gli hackers si dilettano nell’interferire in rete. Sono studenti che si realizzano come pirati informatici. Non sempre è facile individuarli.
  5. Corre voce che anche certi genitori disturbino le lezioni in casa. Si dice che esortino i rampolli a lasciar stare e fare altro. Sarebbe una versione virtuale dell’aggressività di talune famiglie contro la scuola.
  6. Situazioni contingenti possono esaltare i facitori di quiz. Ambienti bancari premono affinché si introducano i quiz per valutare. E i venditori pregustano sempre maggiori profitti grazie a libri non più di testo, ma di test.
  7. Le piattaforme per l’e-learning possono favorire una libertà dispersiva. Ce ne sono a pagamento. Spesa che si aggiungerebbe a quella per i libri.

Al Ministero dell’Istruzione spetta tener conto di questi problemi. Secondo l’etimo la parola ministero designa un servizio. Implica l’adoperarsi con sempre maggiore efficacia  a favore dei giovani e dei docenti.

Il che significa per il futuro della civiltà.

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0