Acque agitate all’interno della Mathesis.

Storia della Mathesis. Una nota di MATEpristem parla di acque agitate all’interno della Mathesis.

opera di Carlo Cante

Il sito MATEpristem è l’espressione del Centro di ricerca PRISTEM dell’Università Bocconi di Milano. Com’è precisato nella Home, l’acronimo P.RI.ST.EM. sta per “Progetto RIcerche Storiche E Metodologiche”.

La finalità del Centro e l’indubbia autorevolezza di cui gode, induce ad intervenire sulla nota delle “acque agitate da denunce varie”, sì da renderla attendibile per eventuali e successive ricerche storiche. Quanto si riporta di seguito è dunque un dovere: evitare che la nota Matepristem porti a ricostruzioni infedeli il ricercatore interessato alla Mathesis e alla sua storia.

I denuncianti: Salvatore Rao, Ferdinando Casolaro, Gianni Gerla, Mario Mandrone, Renata Santarossa, tutti della sezione di Napoli. Antonio Criscuolo della sezione di Bergamo, Luciano Corso della Sezione di Verona, Silvana Bianchini della sezione di Firenze e Antonio Maturo della sezione di Pescara. Se i denuncianti operino come persone o in rappresentanza delle sezioni d’associazione, quali siano i termini della denuncia e quali le garanzie di onestà dei suoi scopi, lo storico può rilevarlo in modo diretto dalla lettura dell’atto di citazione e dalla successiva memoria di causa.

Conseguenze: il giudice si è già espresso negativamente circa l’urgenza (sentenza 16 luglio 2018). I denuncianti hanno però proseguito la loro azione legale. Il procedimento è dunque in corso. Prossima udienza: l’8 settembre 2020.

Le sezioni di Napoli e di Bergamo: i rispettivi presidenti  furono esclusi dalla partecipazione alla Consulta Nazionale di settembre 2018 con  votazione specifica. La stessa Consulta dei presidenti giudicò l’espulsione per indegnità del presidente di Bergamo decretandone, a larghissima maggioranza, la perdita della qualifica di socio Mathesis fino al 31 dicembre 2019.

Sulla vicenda del “presidente” della sezione di Bergamo, a seguito di ricorso giurisdizionale prodotto dall’interessato, si è pronunciato il 2 marzo 2020 il Tribunale Civile adito. Il giudice ha  riconosciuto la legittimità e proporzione della sanzione di espulsione temporale per indegnità e sentenziato con ciò la cessata materia del contendere. La sentenza del Tribunale. (pubblicato il 6 aprile 2020)

L’udienza dell’8 settembre presso il Tribunale di S. Maria C.V. si è svolta regolarmente.

Il giudice e i legali hanno ascoltato il primo dei denuncianti: Casolaro Ferdinando. Alla fine dell’interrogatorio, il prof. Casolaro si è rifiutato di sottoscrivere il relativo verbale. Presenti all’udienza, ma non ascoltati, i proff. Andrea Laforgia, Carlo Toffalori e Michelangelo Di Stasio in qualità di testi indicati dai denuncianti. Il prof. Casolaro ha annunciato un suo nuovo libro di memorie sulla Mathesis. La prossima udienza è stata fissata al 6 ottobre 2020.